Migliorare il rendimento di Windows Vista.

Sebbene l’interfaccia grafica di Windows Vista risulti estremamente avanzata e molto gradevole in fase di utilizzo, il rovescio della medaglia impone che l’ultimo OS di Microsoft occupi molte risorse di Sistema. Conseguenza: rallentamenti e perdite in termini di prestazioni, soprattutto in riferimento ai computer meno potenti, ma penalizzando allo stesso modo anche quelli di ultima generazione.

Ma grazie ad alcuni accorgimenti è possibile riuscire a sfruttare al massimo le potenzialità delle macchine più avanzate, e in alcuni casi realizzare delle performance addirittura superiore a quelle che si potrebbere ottenere installando il vecchio caro Windows XP.

Il trucco sta nel disattivare quelle funzioni che spesso e volentieri potrebbero risultare inutili ai fini della praticità.

Continua da sopra:

L’importante è sapere esattamente dove mettere le mani, per non ottenere effetti contrari a quelli desiderati.

Con questa premessa, oggi cercheremo di approfondire l’argomento, per scoprire quali siano i trucchi effettivamente utili e quelli che invece non influenzano minimamente le performance del Sistema, classificandoli in:

– TRUCCHI INUTILI
– TRUCCHI POTENZIALMENTE UTILI
– TRUCCHI UTILI

Procedendo con ordine:

TRUCCHI INUTILI

– Disattivare l’Ibernazione: non influenza il rendimento del sistema. Unica controindicazione all’attivazione della funzione, è la quantità di spazio richiesta sul disco rigido per impostarne lo stato, pari a circa 1Gb., ma vista la capacità di archiviazione dei supporti in circolazione, non dovrebbe costituire affatto un problema.

– Disattivare UAC (User Account Control): nessuna relazione con la diminuzione delle risorse disponibili. Al massimo si perde un secondo in caso di accesso alle funzioni protette, meglio non disattivarlo completamente, ma piuttosto ricorrere a strumenti come TweakUAC o Elevator per limitare il numero di avvisi.

– Disattivare il Ripristino configurazione di Sistema: non risulta un’operazione utile per Windows XP, né tanto meno per Vista. I punti di ripristino infatti, vengono creati quando il computer è inattivo e l’utente non lo sta utilizzando. La disattivazione della funzione inoltre, ci obbliga in caso di gravi problemi, a ricorrere a un’installazione del Sistema ex novo.

– Disattivare gli aggiornamenti automatici di Windows Update: così come per il Ripristino configurazione di Sistema, Windows Update, ricerca e scarica gli aggiornamenti quando il computer risulta inattivo, e procede con l’installazione in caso di spegnimento della macchina. Rinunciare agli aggiornamenti, significa anche rinunciare ai miglioramenti delle prestazioni.

– Disattivare la Deframmentazione del Disco: neanche questa sembra una buona idea, Windows Vista esegue automaticamente l’operazione, senza l’intervendo dell’utente, eseguendola in background solo quando il computer è inattivo, per cui l’impatto sulle prestazioni risulta minimo. Se proprio avete intenzione di disabilitare questa funzione, ricordatevi almeno una volta a settimana di eseguire manualmente la deframmentazione, per evitare inutili rallentamenti del Sistema.

– Disattivare la Superfetch: ossia la modalità attraverso la quale Windows Vista carica i programmi più usati nella memoria RAM e che rappresenta l’evoluzione della Prefetch di XP. L’abilitazione di questa funzione, comporta l’utilizzo da parte del Sistema di circa 800Mb. di memoria RAM, senza l’apertura di alcuna applicazione, questo il motivo per cui molti utenti pensano che disattivando questa funzione si possano migliorare le prestazioni del computer. L’utilizzo di meno memoria RAM non significa necessariamente maggiore velocità del Sistema, anzi in questo caso le applicazioni verranno caricate addirittura più lentamente.

TRUCCHI POTENZIALMENTE UTILI

– Disattivare Aero: da un lato potrebbe significare meno risorse per sostenere l’interfaccia grafica sui computer meno recenti, dall’altro se si dispone di una buona scheda video in grado di supportarlo, permette di trarre beneficio sfruttando il trasferimento di risorse dalla CPU alla GPU. Un discorso a parte va fatto per i portatili: l’utilizzo di Aero infatti, riduce la durata delle batterie, quindi per ottimizzare il consumo energetico converrebbe disattivarlo.

– Disattivare l’Indicizzazione: un’arma a doppio taglio, la disabilitazione infatti permette di risparmiare sull’utilizzo della memoria RAM e della CPU, ma comporta un eccessivo rallentamento nelle ricerche dei file. L’operazione di indicizzazione si avvia preferibilmente quando il computer è inattivo, una volta indicizzati tutti i file e creato il database, si riattiva solo una volta rilevati i cambiamenti. In ogni caso è possibile ricorrere all’Indexer Status per mettere in pausa l’indicizzazione quando lo riteniamo opportuno.

– Disattivare Windows Defender: permette di migliorare le prestazioni, ma con i tempi che corrono è praticamente impossibile collegarsi a Internet senza un Antispyware, per cui può valere la pena di disattivarlo, a patto che si trovi un software simile che occupi meno risorse.

– Disattivare Shadow Copy: caratterstica inclusa nella versioni Business e Ultimate, che può essere paragonata a Time Machine per Leopard, e che permette di creare delle copie nascoste delle versioni precedenti dei propri file. Disattivarlo permette di guadagnare qualche frazione di secondo e di liberare spazio sull’Hard Disk, ma sicuramente non ci cambia la vita dal punto di vista delle performance.

TRUCCHI UTILI

– Disattivare la Sidebar: in base alle quantità di gadget caricati, la Sidebar di Vista può occupare dai 15 agli 80Mb. di RAM, oltre a una percentuale di utilizzo della CPU che varia a seconda del tipo di gadget installato. Se deve essere utilizzata come uno strumento ornamentale, conviene disattivarla, anche perchè risulta progettata per migliorare gli spazi sugli schermi in formato widescreen, per cui se non si dispone di un monitor simile, l’utilizzo risulta controproducente. Per disabilitarla basta cliccare sulla Sidebar con il tasto destro del mouse, scegliere “Proprietà” dal menu contestuale, togliere il simbolo di spunta all’opzione “Avvia Sidebar all’avvio di Windows”, cliccare su Applica e infine su Ok.

– Disattivare l’anteprima immagini: già Windows XP offre la possibilità di visualizzare delle miniature delle nostre immagini per darci un’idea del contenuto senza aprirle, Vista implementa la stessa funzionalità anche con altri tipi di documenti (PDF, Word, video, musica, ecc…), con conseguenti rallentamenti nel caricamento di Windows Explorer. Per disattivare questa funzione basta andare nel Pannello di Controllo -> Opzioni cartella -> Visualizzazione e spuntare l’opzione “Mostra sempre le icone, mai le anteprime”.

– Scegliere un antivirus che occupi poche risorse: si tratta sicuramente di una scelta personale, ma è meglio orientarsi su prodotti leggeri come NOD32 e Avast, piuttosto che su Norton e Panda, cercando di evitare le soluzioni complete (ossia quelle che integrano antispyware, firewall, ecc…), dato che Windows Vista già include validi strumenti di sicurezza, facendo eccezione proprio per gli antivirus. Secondo gli sviluppatori di Microsoft, gli utenti di Vista 64 bit potrebbero anche fare a meno di installarlo…

– Utilizzare un’unità di memoria con ReadyBoost: a dispetto di quelle persone che hanno messo in dubbio la sua efficacia, diversi Benchmark hanno dimostrato che usando un’unità di memoria esterna da 2Gb. con ReadyBost, si può incrementare il rendimento del Sistema del 10%. Potrete sfruttare questa funzione, utilizzando schede di memoria di tipo SD, pendrive, memorie flash e dispositivi simili, l’importante è che siano dotate di accesso rapido e, naturalmente, che siano compatibili con ReadyBoost.

– Disattivare i processi che si avviano automaticamente con Windows: la misura più efficace per ottenere risultati soddisfacenti! Molte applicazioni, una volta installate, si avviano con Windows anche senza autorizzazione. Per risolvere il problema basta cliccare su Start e digitare nella casella “Inizia ricerca” il comando msconfig. Una volta selezionata la scheda Avvio potranno essere eliminati gli elementi inutili.

– Abilitare le prestazioni avanzate: tra le novità di Vista spicca questa funzione che può essere attivata con i dischi rigidi SATA per aumentare la velocità di scrittura, sfruttando il passaggio dei dati nella cache della memoria RAM prima di scriverli sull’Hard Disk. La procedura da seguire è la seguente: tasto destro del mouse su Computer -> Proprietà -> Gestione dispositivi, selezioniamo l’unità disco per la quale vogliamo attivarla e dal menu contestuale scegliamo ancora Proprietà, selezioniamo il Tab “Criteri”, spuntiamo la funzione “Abilita prestazioni avanzate” e infine clicchiamo su OK. Consideriamo che abilitando le prestazioni avanzate, in caso di interruzione della corrente, il rischio di perdita dei dati risulta maggiore.

Concludiamo con la seguente riflessione: probabilmente il metodo migliore per ottimizzare il computer con Windows Vista, è quello di disporre di un Hardware estremamente aggiornato, se il vostro computer non risulta così potente, e soddisfa a malapena i requisiti minimi (Vista Capable), vi consigliamo di pensare seriamente a un upgrade o in alternativa, all’installazione di OS più leggeri come Windows XP o qualsiasi distribuzione Linux.

Invitandovi a segnalarci anche i vostri consigli e i vostri trucchi negli immancabili commenti, non ci rimane che ricordarvi di rimanere sintonizzati in attesa di tante altre novità.

3 thoughts on “Migliorare il rendimento di Windows Vista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...